fiore

Week end a Tarquinia

La zona di Tarquinia offre moltissime attrative, oltre naturalmente al mare e alla spiaggia e alle famossisime Necropoli Etrusche. Con pochi minuti di macchina è possibile fare molte  escursioni per tutti i gusti, dall’esotico Giardino dei Tarocchi,  alla natura e all’archeologia. Un weekend lungo (come quello del 1 giugno) è sufficiente per ammirare tutte le bellezze della zona e rilassarsi un po’ sulla spiaggia.

Oltre al Gardino dei Tarocchi (leggi il report qui), abbiamo visitato  il Parco Regionale dei Vulci e le Saline di Tarquinia.

Saline

Le  Saline si trovano all’interno della Riserva Naturale Statale “Saline di Tarquinia” che si estende per circa 170 ettari su una fascia del litorale di Tarquinia, a ridosso della costa. Uno scenario molto suggestivo, con una vegetazione ricca e colorata.

Si possono fare due passi nel borghetto ottocentesco dove vivevano e lavoravano i “salinari“, c’è un piccolo parco giochi con due altalene dentro una pineta fresca ed ombreggiata (dove mia figlia ha trascorso mezzora). Un posto fuori dal mondo, immerso nel verde e nel silenzio dell’archeologia industriale.

Le Saline sono anche visitabili (vedi nelle info pratiche in basso).

saline

saline di Tarquinia

 

Parco regionale Vulci

Il Parco Naturalistico ed Archeologico di Vulci si trova vicino l’omonima cittadina di Vulci, nei pressi di Tarquinia. All’interno del Parco, oltre alla natura incontaminata, sono presenti resti archeologici di città etrusco-romane. All’arrivo in biglietteria ci viene consegnata la mappa del parco con i percorsi segnalati da seguire.

Ci sono diversi percorsi nel parco: noi scegliamo  il percorso più breve che è accessibile anche con il passeggino: il “Percorso Breve” che passa per la Porta ovest, camminando sul basolato romano giunge al tempio Grande per finire poi con un sentiero che si immerge in una vegetazione fitta ed arriva al Laghetto del Pellicone, tappa finale ed imperdibile di tutti i sentieri. Il sentiero è agibile con il passeggino, tranne per alcuni tratti con scalini. L’arrivo al laghetto è bellissimo, solo il rumore dell’acqua e la frescura degli alberi.

Ci sistemiamo ai piedi di un grande albero, un pareo come tovaglia e il pic-nic può iniziare. Obbligatoria per grandi e piccini la passeggiata con i piedi nell’acqua.

L’acqua è bassa (ma melmosa, come tutti i laghi) e fresca. Ci rilassiamo un’oretta e poi rientriamo alla biglietteria percorrendo una parte del “Percorso Natura” (per le info su costi, orari, percorsi, laboratori ed attività, vedi in basso  “Info Pratiche”: biglietto adulti 8€, bambini fino a 6 anni, gratis).

laghetto del Pellicone

Laghetto del Pellicone

Dopo la visita al Parco, decidiamo di rientrare all’Agriturismo per riprenderci un po’ dal gran caldo. Nel tardo pomeriggio siamo stati un po’ sulla spiaggia libera di Tarquinia Lido, abbiamo preso un gelato ad un chiosco li vicino e siamo rientrati in agriturismo prima della nostra ultima cena al Podere Giulio!

Peccato per la Necropoli etrusca, ma Tarquinia è vicina e torneremo sicuramente (magari anche per visitare le Saline!!!).

INFO PRATICHE

Saline di Tarquina. Per Informazioni e visite: Corpo Forestale dello Stato – Località Saline. Ufficio Territoriale per la Biodiversitò di Roma (Tel/fax 0766-864605), www.parchilazio.it

Parco Vulci: informazioni, prenotazioni e visite guidate Tel 0766-89298 – 0766-879729. Sito web del Parco

Dove dormire:

La zona è piena di strutture ricettive di tutti i tipi e livelli, hotel, residence, b&b, agriturismi. Noi abbiamo scelto l’Agriturismo Pian di Spille. Ottimo rapporto qualità/prezzo, camera nuova, pulitissima (disponibilità di lettini da campo per i bimbi), colazione abbondante. A disposizione anche la piscina dell’adiacente b&b Villa Paola. L’agriturismo si trova all’interno del centro residenziale “Marina Velca” immerso nel verde e vicinissimo al mare.

Dove mangiare:

Come per l’alloggio, la zona è piena di ristoranti, sia di pesce che di cucina tipica dell’alto lazio. Il nostro agriturismo non aveva il ristorante interno (solo colazione) ma era convenzionato con un ristorante  a 5 minuti di macchina. L’ultima sera lo abbiamo provato. AL PODERE GIULIO. E’  un agriturismo con mini appartamenti. Ottimo ristorante, specialità della tuscia, pizzeria, carne alla brace e cucina casareccia. All’interno, davanti al ristorante, c’è l’area giochi per bambini con scivoli ed altalene.

podere giulio

Podere Giulio

 

(testo e foto di Chiara Tedone)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *