Jpeg

Stessa spiaggia, stesso mare

Chi mi conosce sa che io non amo il mare. Ci andavo con le amiche ai tempi della scuola, poi ho smesso e quando tutte le mie amiche partivano per le mete marittime italiane o estere,  io partivo felice in giro per il mondo, più lontano possibile da spiagge, mare, sole e sabbia ( e da casa ;-) ).

Adoro il mare d’inverno. e la montagna in estate.

Ma, si sa, diventare mamme comporta cambiamenti radicali anche dal punto di vista delle vacanze e così da 4 anni a questa parte una settimana al mare mi tocca sempre farla per la bimba (e pure per il marito che, ahimè,  ama il mare).

Per fortuna ho un certo “talento” per organizzare le vacanze e questo mi ha consentito di trovare l’hotel perfetto dove trascorrere la nostra settimana al mare. Un posto dove – per me – il mare è un contorno, dove posso rilassarmi veramente nonostante la sabbia, il caldo, il sole…

Come lo scorso anno, anche quest’anno per la nostra settimana di mare siamo tornati all’Hotel Baltic a Giulianova (Te), un family hotel davvero perfetto per le famiglie.

hotel baltic

un raro momento sotto l’ombrellone

Oltre al raro momento sotto l’ombra, ho davvero fatto tantissime cose: ho giocato in spiaggia (pallavolo con i palloncini, rubabandiera, body art), ho animato i miei muscoli con pilates, gag e il risveglio muscolare tutte le mattina in spiaggia, ho mangiato tanto e bene e a tutte le ore. Ho anche fatto il corso di piadina romagnola.

Il mio divertimento è stato tanto, ho staccato la testa dalla quotidianeità e dallo stress di ogni giorno.

le attivita’ più divertenti che ho fatto sono due: la gara di ballo e il Musical. 

La gara di Ballo: le risate si sono sprecate prima di tutto perchè ho ballato in coppia NON con mio marito (che si è rifiutato!!) ma con un altro ospite dell’hotel. E a colpi di valzer, tango, cha cha cha e – soprattutto – la lap dance (!) siamo arrivati primi a pari merito con un’altra coppia, sopratutto grazie alla polka saltata!!! :-D

Il musical. Ogni settimana alcuni ospiti vengono selezionati (più o meno spontaneamente :-D ) dagli animatori per recitare nel musical insieme a loro. Quest’anno nella mia settimana di vacanza c’era la Famiglia Addams e io ho intepretato il ruolo di un AVO – il corpo di ballo, praticamente –  Mi è sempre piaciuto recitare ma non ho mai approndito questa mia passione così quest’anno ne ho approfittato subito. Eccomi qui nel backstage, poco prima di entrare in scena!

hotel baltic

pronta per entrare in scena

mentre io mi “distraevo” con tutte queste attivita’, mia figlia cosa faceva?

Greta è ormai di casa in questo albergo, potrebbe tranquillamente andare da sola in pineta, a pranzo, in camera… Conosce tutti gli ambienti e questo mi fa stare molto tranquilla.

La mattina andavamo al mare. Lei giocava sulla sabbia con un’altra bambina conosciuta lì, faceva un lunghissimo bagno al mare con il papà.  Ha anche partecipato una volta ai giochi dei bambini in spiaggia (il bagno al mare aveva sempre la priorità).

hotel baltic

in spiaggia

A pranzo, ha sempre mangiato insieme agli altri bambini fuori in terrazza, senza di noi.

Il pomeriggio, laboratori in pineta oppure ore e ore nella piscina a giocare. La domenica pomeriggio dopo la festa di benvenuto per i bambini, ha dipinto la maglietta di Armandino, l’asinello mascotte della tribù dei bambini del Baltic.

Un pomeriggio c’è stato il laboratorio della pizza e la sera tutti i bambini l’hanno mangiata insieme, senza genitori, fuori in veranda. Anche lei, come la mamma, ha voluto recitare nel musical dei bambini e anche lei era nel corpo di ballo (un’emozione unica, ancora piango se ci penso!).

E poi, dopo cena, giochi in pineta, baby dance e la lettura della favola della buona notte con latte e biscotti. Una sera la fiaba è stata letta in spiaggia, con le lanterne. Un momento davvero suggestivo con i bambini entusiasti ed emozionati. E dopo la favola, lancio delle lanterne nel cielo stellato, con gli “oooooooooh” dei bambini in sottofondo.

hotel baltic

lanterne in spiaggia

Anche mio marito non si è tirato indietro: alzatacce alle 7 per le passeggiate di nordic walking in spiaggia (ormai una consetudine), pedalata al porto (con bimba nel seggiolino) per l’aperitivo sul trabucco, bagni a mare, piscina, tanto cibo e relax.

Insomma, una vacanza per tutta la famiglia, in un ambiente sereno, animazione per bambini e per adulti di altissimo livello ma mai invandente. Un posto dove ricaricarsi anima e corpo dopo un inverno di stress. Una vacanza che è al mare ma che, per mia fortuna, non è “solo mare”.

Ormai il nostro appuntamento fisso per la vacanza al mare