The art of Brick Roma

Torna a Roma The art of Brick

Torna  a Roma, nella nuova location delle sale dell’Auditorium Parco della Musica, la mostra di Nathan Sawaya, l’artista che riproduce ed inventa opere d’arte con i famosi mattoncini Lego©.

Già nel 2015 siamo stati tra i 120.000 visitatori della mostra “The Art of Brick” nel suo primo passaggio a Roma e siamo tornati a vederla anche quest’anno, visto la presenza di nuove opere e la nuova esposizione all’Auditorium, all’interno della manifestazione “Natale Auditorium“.

E’ una mostra sempre piacevole e soprattutto adatta ai bambini di tutte le età!!! I mattoncini Lego© infatti non passano mai di moda, anzi nel passare da generazione a generazione si re-inventano, creando nuovi mondi e modi di utilizzo, mattoncini grandi e morbidi per i più piccoli, costruzioni complesse e sempre più realistiche per i più grandi.

Rispetto alla mostra del 2105, ci sono acune novità tra le più di 70 opere esposte.  La mostra è divisa in 7 sezioni: si inizia dalla sezione Blu, poi Ritratti e la riproduzione dello Studio dell’artista.  In questa nuova sezione  i mattoncini ricostruiscono lo studio di Sawaya in ogni più piccolo dettaglio.

the art of brick

Lo studio dell artista

Al centro delle opere di Sawaya c’è  l’Uomo in ogni suo aspetto e sfaccettatura. A partire dallo stesso artista, che decide di lasciare la redditizia ed avviata professione di avvocato per dedicarsi alla sua passione di artista.

Le due sezioni centrali la Condizione umana e I maestri del Passato sono evocative del pensiero dell’artista statunitense.

“Il mio soggetto preferito è la figura umana, molte delle mie opere ricordano figure in transizione che rappresentano la METAMORFOSI che vivo nella mia vita personale e le mie opere nascono dalle mie paure e dai mie traguardi, come avvocato e come artista, come ragazzo e come uomo”

Le opere esposte in queste sezioni, alcune di dimensioni davvero notevoli, si muovono tra la figura umana, quella semplice dell’uomo di tutti i giorni, con i suoi turbamenti e quella rivisitata e trasformata dall’arte come nella sezione de I maestri del passato.

Quest’ultima è la sezione che mi ha coinvolto di più. Ci sono esposte le ricostruzioni in mattoncini della Lego© di alcune delle opere più famose della storia dell’arte mondiale: straordinaria è la riproduzione de La Gioconda di Leonardo Da Vinci, o quella del quadro de l’Urlo di Edward Munch, oppure la ballerina di Degas, per finire con il famosissimo quadro de Il bacio di Hayes.

Tutti riprodotti in maniera esemplare, mattoncino dopo mattoncino, perfetti.

La Gioconda

La Gioconda

Da non perdere, il  particolare de “La Creazione di adamo” di Michelangelo presente nella volta della cappella sistina a roma.

Si procede poi verso le ultime due sezioni del percorso. La sezione Dinosauri si compone di una sola opera che, da sola, basterebbe a meravigliare tutti, bambini prima di tutti. Ci si trova davanti un imponente scheletro di T-Rex costruito con oltre 80.000 mattoncini… un’impresa pazzesca!!!

Infine la sezione del  Giallo dove si trova l’opera che pubblicizza la mostra su tutti i manifesti, l’uomo che si apre il petto, un uomo costruito interamente di Lego© gialli…

Alla fine del percorso, si trova uno spazio gioco interattivo, con tre vasche piene piene di mattoncini Lego© di ogni forma, colore e dimensione (una vasca è solo con i mattoncini Lego Duplo©, quelli più grandi adatti ai più piccolini). Ognuno può liberamente cimentarsi nella costruzione della sua opera personale e mio marito e la mia bimba non se lo fanno ripetere due volte… iniziano a impilare, incastrare, attaccare mattoncini tra i più svariati, provando ad imitare l’artista con qualche opera… “rivoluzionaria”! 😀

Una mostra interessante da vedere con tutta la famiglia, i bambini si divertiranno e si stupiranno nel vedere uno dei loro giochi preferiti di sempre in un ruolo e uno spazio mai occupati prima.

Quando: dal 9 dicembre al 26 febbraio 2017

Dove: AuditoriumExpo – Auditorium Parco della Musica – Roma

Costi: biglietto intero 16€ – ridotto 12€

Orari:
dal lunedi al giovedi dalle 11 alle 20
dal venerdi al sabato dalle 11 alle 22
domenica dalle 10 alle 20
la biglietteria chiude un’ora prima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *