montagna destate

Estate a Folgaria: montagna a misura di bambino

Anche questa estate abbiamo trascorso una bella settimana in montagna, sulle mie amate Dolomiti trentine. Dopo la bellissima esperienza di Andalo dello scorso agosto, quest’anno abbiamo scelto Folgaria, sull’Alpe Cimbra, a 20 km da Rovereto e a 30 km da Trento. L’altitudine non è da vera e propria montagna ma le escursioni e le mille attività da fare sono tutte rigorosamente per famiglia e per bambini.

Il panorama però non delude mai, le Dolomiti circondano tutto e i prati sono verdissimi, i balconi fioriti e curati…

Tra le attività da fare in famiglia e con i bambini ci sono ovviamente le escursioni in montagna, la visita ai piccoli borghi dell’Altopiano con i loro parchi giochi enormi, i forti della prima guerra mondiale e anche un paio di Musei imperdibili.

Non si può non partire dalle escursioni che rappresentano l’attività principale per chi ama trascorrere le vacanze in montagne, come me! ;-)

5 escursioni, assolutamente facili ed adatte ai passeggini da trekking. 

Tranne l’ultima, tutte le altre escursioni sono state organizzate dall’animazione del nostro hotel (e dei principali family hotel di Folgaria): si parte tutti insieme dall’hotel accompagnati dagli animatori per tutto il percorso.

1. Biotopo di Eschen a Costa (Folgaria).

Ci si arriva a piedi dal centro di Folgaria (tramite strada interna) oppure con il bus o anche con il trenino turistico (che i bimbi adorano) che parte dalla zona pedonale di Folgaria e fa capolinea proprio davanti al Santuario di Costa da dove parte il sentiero. Se si arriva in macchina (meno di 10 minuti dal centro di Folgaria) c’è un ampio parcheggio gratuito davanti al santuario.

Il sentiero è molto semplice, ad anello tutto completamente in piano e bello largo, percorribile molto facilmente anche con passeggino. Si tratta di una torbiera, ovvero una zona umida, di particolare interesse poiché è un rarissimo esempio di giacimento torboso situato in area carsica. Il sentiero gira tutto intorno al biotopo e nell’ultima parte entra nel boschetto prima di uscire. E’ ottimo come passeggiata  per il primo giorno di vacanza, perché è tranquillo e rilassante e ci immerge subito nell’atmosfera magica dell’Alpe Cimbra.

Biotopo

Passeggiata al biotopo

2. Giro del lago di Lavarone

Ci si può arrivare con il bus (gratuito con la Trentino Card trasporti) da Folgaria, oppure comodamente in auto da Folgaria (in più o meno 15/20 minuti). All’arrivo, sul lungo lago c’è un grande parcheggio a pagamento (1€/h).

Il lago di Lavarone oltre ad essere bellissimo è balneabile ed è bandiera blu. Ci sono 2/3 stabilimenti dove poter noleggiare ombrellone e lettini, oppure si può noleggiare il pedalò o fare i tuffi dai gonfiabili direttamente nell’acqua.

lago di Lavarone

lago di Lavarone

La passeggiata intorno al lago è molto semplice, costeggia tutto il lago, qualche tratto in salita ma molto breve e assolutamente fattibile (tutto percorribile con il passeggino da trekking). Arrivati quasi alla fine abbiamo fatto una deviazione all’interno del bosco per poi rientrare nel sentiero. Segnalo anche un bellissimo parco giochi con carrucola e giochi in legno, accanto al parcheggio auto.

3. Trekking con le caprette a San Sebastiano (a 4 km da Folgaria). L’escursione più bella in assoluto per i bambini. Si arriva in macchina in 5 minuti, parcheggio libero all’ingresso del paesino, di fronte al Maso Guez che organizza la passeggiata. Si arriva al Maso e dopo il benvenuto, a tutti i bambini vengono dati rami di nocciolo pieni di foglie verdi, poi vengono liberate una decina di caprette che corrono dai bambini per mangiare le foglie. Da qui si parte per il sentiero sulla costa della montagna dove i bambini guidano le caprette – assolutamente mansuete ed addestrate – con i rami di noccioli. Davvero molto carino. I bambini non si sono neanche resi conto di quanto hanno camminato e il sentiero era anche discretamente lungo. Abbiamo fatto alcune soste durante il tragitto, con cascatelle, torrentini e rocce. Si arriva ad un altro paese dove ci si riposa un po’ ad una fontana e si torna indietro per lo stesso sentiero sempre facendosi seguire dalle caprette. All’arrivo tutti i bambini vengono rifocillati al Maso con ciambellone al limone (ottimo, davvero) e latte di capra .

trekking caprette

trekking caprette maso guez

Greta è stata tanto contenta e alla fine chiamava tutte le caprette “piccola”, dandole da mangiare le foglie direttamente dalla sua mano… 

(da notare che per questa escursione, organizzata dal nostro hotel, abbiamo pagato 5€ a persona)

4. Sentiero dell’acqua a Carbonare (a 7 km da Folgaria).

Ci si arriva in macchina, parcheggio libero e ampio sul prato all’ingresso del sentiero. E’ un sentiero nuovo, aperto lo scorso anno, molto suggestivo che costeggia foresta con cascate, torrenti. E’ il sentiero dedicato all’acqua e al suo utilizzo nel tempo nell’ambito dell’economia rurale della montagna e termina al Mulino Cueli. Il sentiero è lungo 2.2 km, è facile anche se ci sono un paio di salite nel bosco e il sentiero a volte è stretto. In ogni caso è assolutamente fattibile in un’oretta di cammino (anche se mia figlia a volte si lamentava !!! :-D ). Si arriva al Mulino (visitabile su prenotazione) con una bella fontanella con acqua fresca per rinfrescarsi e si torna indietro sullo stesso sentiero.

sentiero acqua

sentiero acqua

5. Seggiovia Bertoldi – Tablat (Lavarone)

Questa è l’unica escursione che abbiamo fatto per conto nostro perchè Greta voleva assolutamente prendere la seggiovia. Si parte da Bertoldi, a Lavarone, parcheggio gratuito e grande davanti alla seggiovia. La seggiovia è gratuita per i possessori della Trentino Card (fornita gratuitamente dalla maggior parte degli hotel). La seggiovia Bertoldi-Tablat è una triposto  e in 10 minuti circa sale molto dolcemente da Lavarone Bertoldi fino al Monte Tablat, ottimo punto di partenza per escursioni a piedi. All’arrivo si trova lo Chalet Tana Incantata (a mt. 1337) dove avevamo prenotato il pranzo. Dalla cima partono dei sentieri in mezzo al verde molto belli. Da segnalare che da qui parte il Lavarone Bike Park con diversi percorsi per la discesa in Mountain Bike (i percorsi sono anche visibili durante la salita/discesa con la seggiovia). Noi abbiamo preso il sentiero principale che scende nella verde vallata, camminato per un po’ fino al limitare del bosco e poi ci siamo seduti sul prato e mentre i bambini giocavano noi ci siamo rilassati al sole fino all’ora di pranzo.

Una menzione speciale merita un’escursione in notturna: la Lanternata nel bosco, organizzata dall’hotel la prima sera che siamo arrivati. Si parte da Costa Santuario e si entra nel bosco che costeggia il Biotopo. Tutti i bambini hanno fili colorati e luminosi per far luce.

lanternata

lanternata nel bosco

Durante il percorso nel sentiero al buio si fanno delle tappe per raccontare la fiaba dell’Alpe Cimbra e si incontrano personaggi fatati e magici…

Un’escursione davvero molto suggestiva, un soffitto di stelle a farci compagnia e il rumore della montagna di notte… magico! 

Una vacanza immersi nel verde, nell’aria pulita e a contatto con la natura, gli animali. Greta si è divertita tantissimo e per il primo anno da quando andiamo sulle Dolomiti, ha camminato anche parecchio.

Un consiglio su dove alloggiare? Noi abbiamo alloggiato all’Hotel Vittoria a Folgaria, prenotato tramite Around Family. Ottimo family hotel con tutto il necessario per una vacanza in famiglia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>